giovedì 5 novembre 2020

Col pennello sul vetro

Se prendi il sole
e lo sfumi,
s'arrossa l'orizzonte
di fuoco;

se prendi il rosso
e lo sfumi,
s'accendono i tetti 
d'ardore;

se prendi l'arancio
e lo sfumi,
[nei gialli, nei verdi]
s'acquieta il calore
d'ottobre;

se prendi il verde
e lo sfumi,
s'accorge il cielo
d'essere tale;

se prendi l'azzurro 
e lo sfumi,
si fa blu, notte,
d'un tratto, d'amore.

4 commenti:

  1. Come sempre, ottimi versi.
    E conclusione davvero bella, calda, avvolgente.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. La parte bastarda di me (che non è rada) l'ha pensata poesia sulle regioni, ma il lato intimo (che per fortuna ancora prevale) ha avvisato un tenero caleidoscopio di accenni colorati a stemperare i toni, fino a poterne custodire l'essenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao franco, mi manca la stoffa per scrivere versi sul nuovo dpcm! Ci riuscissi sarei davvero brava XD

      Elimina